Elementari Modigliani, bagni da rifare: via ai lavori durante l’estate

Livorno, i genitori delle elementari protestano e la Asl effettua un sopralluogo. Il Comune: c’è uno stanziamento a bilancio di 150mila euro, procederemo
di Francesca Suggi
Il Tirreno 14/04/2016
LIVORNO. Che quei bagni siano tutti da rifare è fuori discussione. Lo sa bene la preside che più volte l’ha segnalato all’amministrazione. Ne sono a conoscenza i genitori dei bambini della scuola che hanno protestato ufficialmente. Lo scrivono nero su bianco dalla Asl nella relazione fatta dopo il sopralluogo. E, soprattutto, ne è perfettamente a conoscenza il Comune che durante l’estate interverrà per il rifacimento. Qui elementari Modigliani, di via Agnoletti, quartiere Corea: tra pochi mesi i disagi saranno risolti per i quasi 200 alunni che frequentano l’istituto.

«La situazione è chiara: nella scuola bisogna fare i bagni nuovi, come abbiamo segnalato nella relazione che facciamo a inizio anno al Comune e poi lo abbiamo più volte ricordato. So che l’attenzione del Comune c’è e che durante le vacanze estive sarà programmato l’intervento», non ci gira intorno la dirigente scolastica Francesca Nacci.

Intanto i problemi dell’istituto diventano anche una questione politica. A farsene carico è il consigliere comunale di opposizione Marco Cannito che, a nome di alcuni genitori che a lui si sono rivolti, chiede lumi alla giunta. In particolare al sindaco Filippo Nogarin.

«Le chiedo quali siano gli interventi attuati e, o programmati per eliminare gli inconvenienti igienico-sanitari presenti alle Modigliani», scrive al primo cittadino. Si fa riferimento al sopralluogo dell’Unità operativa Igiene sanità pubblica di Livorno il 23 febbraio scorso. I tecnici della Asl si recano a scuola per verificare con gli occhi quello che alcuni genitori hanno segnalato loro per scritto, in maniera ufficiale.

«Ho letto il verbale – continua Cannito – la Asl segnala la necessità di interventi di natura strutturale relativamente a servizi igienici da rifare e viene richiesta una maggior pulizia dell’istituto».

Cannito parla anche di altri tipi di disagi, riferendosi a infissi e porte di accesso a wc e aule da cambiare, tende sporche e rotte con guide mancanti o non fissate. «Diciamo che ne viene fuori un quadro di una scuola non certo pericolante o pericolosa, ma decadente», rincara.

Niente di nuovo: il Comune è ben consapevole della situazione, come ci tiene a sottolineare la vicesindaca Stella Sorgente: «I tecnici Asl si sono incontrati con quelli del Comune: a bilancio, che presto sarà approvato, abbiamo stanziato 150mila euro per questo tipo di interventi. Dobbiamo poi muoverci velocemente per sbrigare le questioni burocratiche, arrivare a far passare il progetto in giunta e poi giungere velocemente alla gara per partire con i lavori durante l’estate, quando la scuola è chiusa».

E chiude, ricordando che nei mesi scorsi la vicesindaca ha incontrato tutti i presidi delle scuole livornesi, proprio per prendere nota delle emergenze e delle segnalazioni dei singoli dirigenti. «Voglio ricordare che durante l’estate partiranno pure i lavori alle scuole Thouar di via delle Sorgenti e alle medie Micali di via degli Archi, sempre per il rifacimento dei servizi igienici. Conosciamo le criticità di tutti gli istituti e ne teniamo in considerazione, nell’interesse di un settore fiore all’occhiello del nostro Comune».