Livorno Città diversa

Riprendiamoci Livorno, diversamente dal solito

UNA FUNIVIA A LIVORNO?

Apprendiamo dalla cronaca de IL TIRRENO che il valente assessore Vece ha assegnato (con i nostri soldi) uno studio di pre-fattibilità per un impianto di funivia urbana per collegare inizialmente la stazione ferroviaria di Livorno con il porto mediceo.

Sbalorditi dalla novità, ci inchiniamo reverenti a tanto geniale intuito. Veramente l’uovo di Colombo. Come abbiamo fatto a non pensarci prima? Con soli 6/8 (sei/otto) milioni di euro, Livorno potrebbe avere un impianto dalla eccezionale capacità di trasporto di 4.000 persone all’ora.

Inoltre – ci assicura l’assessore – potrebbe essere costruito in soli 18 mesi, arrecando disagi minimi al traffico locale, perché basterebbe impiantare un pilone ogni 25 metri. Non dice quanto dovrebbe essere alto, ma immaginiamo che con una altezza di circa otto metri e cinque di diametro ridisegnerebbero la via Grande. Trattandosi di impianto dedicato al trasporto locale urbano lungo un percorso di circa 2,6 km intensamente trafficato, certamente non effettuerà soltanto servizio di estremità, che sarebbe invece utilissimo nel caso attraccasse una nave da crociera ogni ora, cosicché i croceristi potrebbero essere trasportati immediatamente al treno senza inutili visite della Città che non ha bisogno di aprirsi al turismo.

Quindi lo studio di pre-fattibilità ci dirà come gli utenti livornesi dalle 12 aree di fermata lungo il percorso accederanno e discenderanno alle cabine sospese. Per la discesa pensiamo non dovrebbero sussistere grossi problemi, tenuto conto che la gravità aiuta molto. Siamo più preoccupati della salita, tenuto conto che la gravità in questo verso lavora contro. Che cosa suggerirà lo studio? Scale fisse o scale mobili? E per le persone a ridotta mobilità si penserà ad opportuni ascensori? I costi a questo punto saranno contenuti in quelli preventivati o per risparmiare si ricorrerà all’espediente di una fermata sì e una no?

Avanti tutta! Alla fiera di chi la spara più grossa c’é posto per tutti. Povera Livorno, che nel frattempo declina sempre più giù.

Per il Direttivo Città Diversa

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *